Ultime dal blog
Home / Eventi in Giappone / Aprile in Giappone: hanami e matsuri

Aprile in Giappone: hanami e matsuri

Miyako odori a Kyoto
Miyako odori a Kyoto

Appena arriverete in Giappone, ad Aprile, il paesaggio pronto ad attendervi sarà quello che abbiamo sempre ammirato sui dépliant di viaggio e sulle guide turistiche: distese di alberi fioriti, di quel rosa tenue, che fanno da cornice a un paesaggio naturalistico e urbano che diventa splendido.

Fioritura ciliegi 2016 in Giappone

Aprile, dunque, è il mese perfetto per l’Hanami, una delle tradizioni più romantiche e suggestive che il Giappone possa offrirci: l’ammirare i fiori (Hanami, appunto) in questo periodo renderà i vostri ricordi del viaggio in Giappone semplicemente unici e indimenticabili.
Come tutti i fenomeni naturali, la fioritura dei ciliegi segue un ciclo biologico ben scandito e, per quest’anno (2016), le previsioni dicono che a Tokyo ci sarà la massima fioritura il 29 marzo (dovrebbe iniziare il 21), se sarete a Kyoto, invece, le date dovrebbero essere dal 25 marzo e la piena fioritura si avrà il 2 aprile mentre a Osaka dal 24 marzo e il 2 aprile la piena fioritura. A Hiroshima, altra rinomata meta per un viaggio nel Paese del Sol Levante, dal 26 al 3 aprile e a Kanazawa dal 31 marzo al 7 aprile; se vi troverete in qualche altra località, potete trovare sul sito del turismo giapponese le date per godere di questo spettacolo naturale.

Dove fare Hanami (dove ammirare i ciliegi in fiore)

Quando si parla di Hanami, oltre al quando, è importante anche il dove osservare i fiori: nella capitale non c’è alcun dubbio che il parco di Ueno sia una delle migliori location, soprattutto di sera quando vengono accese le lanterne, quanto alla varietà floreale citiamo Midtown Tokyo che con i suoi 8 diversi tipi di ciliegio è imbattibile. Se avete voglia di qualcosa di buono da sorseggiare durante l’Hanami, in uno dei numerosi locali a Roppongi Hills coglierete due piccioni con una fava, se invece preferite anche un po’ di festa, non lasciatevi sfuggire il festival di primavera (primo weekend di Aprile) a Ark Hills.

A Kyoto, invece, il più quotato è il Maruyama Park, con suggestive illuminazioni serali e chioschi dove mangiare qualcosa, ma non saranno da meno la Passeggiata del Filosofo, Arashiyama e l’area del tempio Daigoji. Per la varietà di ciliegi piantumati, il santuario Hirano ha il suo perché, mentre la ricchezza della natura in fiore non farà certo sfigurare l’Hanami di ciliegi al giardino botanico di Kyoto.

Miyako Odori

In Aprile, poi, Kyoto ha un quel qualcosa in più che la rende ancora più attraente per noi viaggiatori: il Miyako Odori.
Fra gli emblemi del Paese ci sono sicuramente i modi raffinati e le profonde conoscenze artistiche e non delle geisha, figura che nei secoli non ha perso di esercitare una forte attrattiva sul mondo occidentale. Purtroppo, incontrarne una dal vivo non è così semplice come sembra, ma non demoralizziamoci: per tutto il mese di Aprile viene indetto a Kyoto il Miyako Odori nel corso del quale si esibiranno le geisha (o geiko, secondo il dialetto di Kyoto) della comunità Gion Kobu.
Il festival, che significa Danza della Capitale, risale al XIX secolo e si tenne per la prima volta nel 1872, quando ormai Kyoto aveva ceduto il titolo di capitale a Tokyo: il nome del festival rievoca anche il fastoso passato della città.
Perdere uno spettacolo delle geisha, naturalmente, è assolutamente fuori discussione, considerata anche l’ampia varietà di orari: dal 1° al 30 aprile si tengono al Teatro Gion Kobu Kaburenjo spettacoli di un’ora circa alle 12.30, 14, 15.30 e 16,50. Potremo assistere a 8 scene rappresentative della vita quotidiana del Paese, narrate con tutta la grazia, il talento di ballo, canto e recitazione delle geisha: un assaggio indimenticabile dello splendore giapponese.
I biglietti per gli spettacoli si possono acquistare online sul sito ufficiale dell’evento. Il biglietto più economico costa 2500 yen.

Hana Matsuri

Il Giappone di Aprile non è solo Hanami: l’8 aprile cade il compleanno di Buddha e quindi vi consiglio una visita a un tempio buddista: questo sarà un giorno davvero speciale. Rievocando – infatti – la nascita del Buddha, le numerose e solenni cerimonie, note come Hana Matsuri, omaggiano la divinità con la costruzione di piccoli edifici, decorati con fiori (da cui Festa dei fiori, altro nome della giornata), al cui interno viene posto una statuetta del Buddha. I fedeli bagneranno la statua con una bevanda, considerata sacra, composta di the e acqua calda. A Tokyo l’appuntamento è al tempio Senso-ji di Asakusa, dalle 10,30 alle 15,00.

Shibazakura Festival

Nel vostro tour del Giappone, vi consiglio di mettere in programma una tappa nella zona dei Cinque Laghi del Monte Fuji: a circa 3 km di distanza dal lago Motosu, dal 16 aprile fino al 29 maggio 2016, il protagonista sarà il fiore Shibazakura, dalla particolare forma ad ago, che verrà esposto in così grandi quantità da letteralmente tappezzare gran parte dell’area del festival. Oltre ad ammirare il Shibazakura, potrete anche acquistarlo e persino mangiarlo in piatti tipici!
Per raggiungere il Festival: dalla stazione Kawaguchiko prendete la linea Shibazakura che vi porta direttamente al festival in 30 minuti.

Takayama Matsuri e Yayoi Matsuri

Da qui, le alternative per concludere il vostro viaggio in Giappone sono due: la prima, quella di andare a Takayama dove il 14 e il 15 aprile, al Santuario Hie-jinja, si tiene un festival (Takayama Matsuri) considerato fra i top 3 del Giappone. In effetti, la dozzina di carri giganteschi, con bellissime bambole che vengono movimentate da meccanismi automatici, che sfilano per le strade della città, portando in processione il mikoshi (santuario portatile) e la sfilata serale nel corso della prima sera sono davvero un concentrato di foto e ricordi da mettere in valigia.
Oppure potrete andare a Nikko dove il 16 e il 17 aprile si tiene lo Yayoi Festival, nel corso del quale sfileranno 12 carri in accordo a un rituale di benvenuto alla primavera che risale all’VIII secolo, di cui i costumi sono fedelmente riprodotti. Oltre ai caratteristici riti e vestiti, il festival propone anche la processione dei santuari portatili: a tutto questo aggiungete la straordinaria atmosfera di Nikko e capite quale magìa sprigiona il festival…

Showa Day

L’ultimo appuntamento del mese, il 29 aprile, sarà lo Showa Day, una festa commemorativa dell’imperatore del periodo Showa, nonché giornata di apertura della Golden Week. Scommetto che siete curiosi… continuate a leggermi e il mese prossimo scopriremo tutto sulla Golden Week e, naturalmente, su tutti gli eccezionali eventi di Maggio!

 
Japan Rail Pass
 

Potrebbero interessarti anche

About Alessandra Sanna - Viaggi.city

Leggi anche

Fiori di ciliegio in Giappone

La fioritura dei ciliegi in Giappone

Cos’è l’hanami e significato nella cultura giapponese Letteralmente, “hanami” significa “ammirare i fiori” e in …

2 commenti

  1. Ciao Alessandra,
    Io avrei una richiesta in particolare. Potresti farmi un esempio pratico di come utilizzare il sito Hyperdia?
    Ovviamente quando arriverò lì scaricherò l’app, ma non mi è molto chiaro il suo meccanismo.
    Ad esempio, come Hotel sarò nella zona Shinjuku, proprio vicino alla stazione. Se volessi andare a Nikko, che tragitto dovrei fare, avendo il JRAIL PASS?
    Help me!

    • Ciao Kay,
      Devi innanzitutto togliere la spunta su Nozomi/Mizuho perché sono treni non inclusi nel JRpass. In realtà devi conoscere già da dove parte il treno per una destinazione (oppure fai dei tentativi). Se vuoi andare a Nikko, puoi partire dalla stazione di Tokyo se usi il japan rail pass (e fare scalo a Utsunomiya), altrimenti puoi usare la linea Tobu da Asakusa… per sapere che metro prendere all’interno di Tokyo conviene consultare questa mappa della metro, se vuoi conoscere anche la percorrenza allora usi hyperdia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.