Ultime dal blog
Home / Letteratura giapponese / Dance, dance, dance

Dance, dance, dance

di Haruki Murakami

Dance, Dance, Dance di Haruki Murakami

“Un giorno di marzo, al Dolphin Hotel di Sapporo, a.d. 1983. Alla radio suonano gli Human League. E poi Fleetwood Mac, Abba, Bee Gees ecc. Uno strano mondo, questo, dove tutto – o quasi – si può comprare. C’è un giornalista free lance che ha perso molte cose nella vita e ogni volta una parte di sè. Cammina controvento senza perdere lo slancio: forse, per mantenere la rotta, non gli interessa che lasciarsi andare alla deriva. C’è una ragazzina di tredici anni seduta da sola in bar. Ci sono una receptionist troppo nervosa, un attore dal fascino irresistibile, un poeta con un braccio solo; e un salotto a Honolulu dove sei scheletri guardano la TV. Esiste un collegamento fra queste cose, un senso anche per chi ha perso l’orientamento, basta continuare a danzare.”
(dal quarto di copertina, Einaudi)
Note personali:
E’ un libro da leggere tutto d’un fiato; è una lettura che ti trascina dentro al romanzo e non puoi far altro che continuare a leggere avidamente, per capire dove finalmente i fili del racconto vanno ad incontrarsi.
Un bellissimo noir giapponese che chiunque ami Murakami dovrebbe leggere. Il protagonista mi ricorda un po’ Toru di Norwegian Wood. Forse per il suo strano modo di essere solitario…

Acquista il libro
Prezzo di copertina: € 11,25 | Anno di pubblicazione: 2013

 
Japan Rail Pass
 

Potrebbero interessarti anche

2 commenti

  1. E’ in assoluto uno dei libri contemporanei più belli di tutta la letteratura mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.