Omamori, amuleti giapponesi

Omamori: portafortuna giapponesi

Per noi occidentali, il mondo orientale rappresenta un pianeta a parte. Tradizioni, storia, modi e mode, convinzioni e stile di vita, sono diversi dai nostri, e scoprirli rappresenta un vero arricchimento culturale.

Oggi parliamo di “Omamori”, sapete di cosa si tratta? Tradotto in italiano, questa parola significa amuleto, ma non pensate che abbia la stessa valenza “contro la sfortuna” che noi applichiamo agli amuleti. Dietro un Omamori, c’è una filosofia di vita, che ci fa comprendere meglio la cultura giapponese.

Buddhismo e Shintoismo

In Giappone, esistono più culti religiosi, ma i più diffusi e radicati nel popolo giapponese sono il Buddhismo e lo Shintoismo che convivono e vengono praticati in molte circostanze e fasi della vita.

In entrambi i culti, vengono utilizzati gli Omamori: nello Shintoismo il potere dell’omamori deriva dal kami (dio) venerato, mentre nel Buddhismo, l’omamori prende il suo potere dal Gohonzon, ossia l’immagine sacra di Buddha.

Se avete già fatto un viaggio in Giappone, avrete certamente fatto caso che, nei pressi dei tanti santuari e templi, stazionano bancarelle che propongono in vendita questi amuleti, una sorta di sacchetto variopinto, e dalle forme diverse.

Omamori: com’è fatto, come si usa, dove si acquista

Esiste un Omamori per ogni ambito della vita: amore, salute, fortuna, viaggi, successo ecc.
Dentro a un Omamori, si trova un foglio ripiegato oppure un pezzetto di legno, su cui è scritta una preghiera. Questa preghiera, secondo la credenza giapponese, contribuirebbe a proteggere chi la possiede e anche a raggiungere i propri desideri.

La forma più diffusa per realizzare gli Omamori, è quella rettangolare, ma la creatività, e anche l’intento della preghiera, fanno sì che esistano Omamori di varie forme, come ad esempio quelli con le sembianze di animali.

Ogni tempio poi, ha i suoi Omamori: a seconda della divinità e del tipo di protezione che essa offre ai propri adepti, gli amuleti prendono il nome del tempio di riferimento.

Oggi, esistono Omamori che si adattano ai tempi moderni: non solo sacchetti da applicare alla borsa, o da appendere in auto o in casa, ma anche piccoli Omamori da applicare al cellulare. Oltre ai tradizionali venditori che si trovano nei pressi dei santuari poi, è possibile acquistarli in Giappone anche attraverso distributori automatici, e ovunque, sui siti internet.

Tipi di Omamori

Omamori della felicità 幸せ
L’Omamori shiawase, o della felicità, come dice lo stesso nome giapponese, aiuta il proprietario a raggiungere la felicità nella sua vita.

Omamori dei viaggiatori 交通安全
Si chiama Omamori kōtsū anzen, protegge gli automobilisti e, più in generale, coloro che viaggiano. Esiste anche in forma di adesivo da attaccare all’auto, ideale per i principianti alla guida 🙂

Omamori dell’amore 縁結び

omamori dell'amore

L’Omamori enmusubi aiuta chi lo possiede a incontrare una persona con cui stabilire un rapporto d’amore solido e duraturo. I single, troveranno l’anima gemella, mentre le coppie potranno assicurarsi un rapporto matrimoniale sereno.

Omamori della gravidanza e del parto 安産.
Si chiama Omamori anzan e protegge le donne in stato di gravidanza, assicurando loro un parto senza problemi.

Omamori per scacciare gli spiriti maligni 厄除け

Questo è uno degli amuleti più richiesti: si chiama yakuyoke e allontana ogni forma di male da chi lo possiede. Ha una valenza prettamente protettiva dagli eventi negativi.

Omamori di buona fortuna 開運
L’Omamori kaiun è l’amuleto per eccellenza. Diversamente dall’Omamori contro gli spiriti maligni, questo sostiene l’avvento di cose positive.

Omamori dello studio 学業 成就.
Ogni studente giapponese ne ha uno: è l’Omamori gakugyō-jōju, valido amuleto per superare gli esami, tenuto in grande considerazione dai giovani giapponesi, che spesso lo ricevono in dono dai genitori.

Omamori della salute 健康
Ecco un altro Omamori molto apprezzato: si chiama kenkō e viene utilizzato non tanto per guarire dalle malattie, quanto per mantenersi in buona salute.

Omamori del successo e della prosperità 商売繁盛
Questo Omamori, denominato Shōbai hanjō, assicura successo nel lavoro e negli affari. Molto diffuso in Giappone, anche i top manager ne posseggono uno.

È uno degli amuleti più tradizionali. In ogni cultura, effettivamente, si pensa al criterio di prosperità come a un elemento che ingloba ogni tipo di fortuna.

Omamori per gli animali domestici ペットお 守り.
Ecco infine, un amuleto a protezione degli animali domestici: si chiama pet-omamori (pronuncia “petto omamori”) e, nelle intenzioni di chi lo acquista, serve a proteggere i propri animali domestici da malattie e morte. Solitamente, chi lo acquista fa incidere sull’amuleto il nome dell’animale da proteggere.

Come si usa un Omamori

Lo scopo degli Omamori è di supportarci nelle difficoltà, in modo da incoraggiarci nell’affrontare i problemi e le sfide della vita.

Non si acquista sperando magicamente che l’amuleto risolva i nostri problemi.

Un Omamori si può acquistare per se stessi, o regalarlo ai propri cari. Il suo effetto dura un anno, alla fine del quale, va riconsegnato a chi lo ha venduto, oppure presso un tempio.

A questo punto, uno degli addetti procederà alla sua distruzione, solitamente bruciandolo. Gettare nella spazzatura un Omamori è considerato un atto di mancanza di rispetto di una certa gravità.

Se un Omamori, durante l’anno di utilizzo, viene danneggiato o addirittura distrutto, secondo la leggenda popolare significa che sta lavorando bene, assorbendo su di sé gli eventi negativi che, altrimenti, si sarebbero abbattuti sul suo proprietario.

Nella pratica però, in Giappone molte persone conservano gli Omamori creandone una collezione di famiglia, da tramandarsi di generazione in generazione.

Se vi siete appassionati agli Omamori, potrete acquistarne su diversi siti online o negozi di oggettistica giapponese, e realizzare una personale collezione da conservare nel tempo.

I tour imperdibili

 

5 commenti su “Omamori: portafortuna giapponesi”

  1. Ciao Alessandra, complimenti per l’articolo e per il sito; questa mattina ho comprato un Omamori in un negozio giapponese qui a Firenze. Era l’ultimo rimasto. Ora sto scoprendo che ce ne sono di diversi tipi, a seconda delle esigenze. Posso chiederti un aiuto sul suo significato?

  2. Ciao! Ieri sera mi hanno regalat un Omamori. Non ne conoscevo l’esistenza. Il mio allievo me l’ha ragalato (sua moglie è giapponese) dicendo che è per gli Artisti. Solo che credo di aver commesso un errore: presa dalla curiosità l’ho aperto. Mi si è scatenata una reazione strana. Dalla forte emozione mi sono commossa….come se una forte energia bella e positiva mi avesse travolto. E’ normale tutto ciò? E …ho davvero sbagliato ad aprilro? Alcuni sostengono che sia sbagliato. Grazie infinite 🙂

    Raffy

  3. Francesco Parise

    Ne ho comprato uno rosa per amore, con un coniglio, nella taschina c’è un foglietto bianco, con 2 caratteri Kanji, cosa devo fare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Torna in alto