I consigli di Fabrizio sul Giappone

A raccontarci della sua esperienza in Giappone oggi è Fabrizio, l’autore di Giapponepertutti.it, sul quale oltre a informazioni utili su come organizzare la partenza, puoi trovare diverse curiosità sulla cultura, i monumenti e la cucina giapponese.

1) Il tuo blog mi sembra davvero molto ben curato. Qual è la tua ricetta per proporre contenuti interessanti per gli utenti?
La mia idea è quella di dare principalmente le informazioni di base, quelle essenziali. Ad esempio, nella sezione “cosa vedere”, metto solo una breve descrizione del luogo d’interesse, e do maggior importanza a dati come prezzo, orari d’apertura e soprattutto come raggiungere quel determinato luogo.

2) Quando ti trovi a partire per un viaggio a lungo raggio come ti comporti? Organizzi ogni cosa o parti gestendo tutto una volta in loco?
Sono un “maniaco” dell’organizzazione. Mi piace pianificare tutto, dagli spostamenti a cosa andare a vedere nei determinati giorni. Poi ovviamente capita che quello che si è programmato cambi, ma comunque preferisco sempre avere un programma dettagliato.

3) Il Giappone a detta di molti è una terra meravigliosa, c’è qualcosa di questo luogo che ti ha affascinato in modo particolare?
Del Giappone mi ha affascinato molto il lato culturale, i templi e l’architettura. Ho apprezzato molto anche le persone, il loro modo di fare, l’educazione e la gentilezza.

Hamarikyu, Tokyo

4) In Giappone il galateo impone atteggiamenti molto diversi dai nostri. Ad esempio quello che in occidente è ormai una consuetudine, come soffiarsi il naso in pubblico, mangiare e bere camminando per strada o mettere in mostra i propri tatuaggi, nella terra del Sol Levante può essere interpretato come un segno di maleducazione. Tu come hai gestito questi divieti? È stato difficile abituarti a non tenere certi comportamenti?
Non ho avuto difficoltà a rispettare questi comportamenti. Per i tatuaggi nessun problema, non ne ho. Per il bere e mangiare, cercavamo sempre di farlo in albergo o in posti tranquilli.

5) La cucina giapponese è famosa per il sushi e il sashimi, oltre a queste due pietanze cosa ci consigli di assaggiare?
Come prima cosa il ramen, buonissimo e anche economico. Altri piatti che mi sono piaciuti molto sono stati l’okonomiyaki, famoso quello di Hiroshima, e il tonkatsu, in pratica l’equivalente della nostra cotoletta.

6) Per quanto riguarda i mezzi di trasporto? Cosa ci suggerisci di usare per spostarci all’interno di una città? E per andare da una città all’altra?
Per spostarsi in città consiglio vari mezzi, mi spiego meglio. A Kyoto ad esempio ci si muove praticamente solo con il bus, la metro è abbastanza “inutile”. A Hiroshima ci sono i comodissimi tram oppure il JR Loop Bus.
A Tokyo invece consiglio di prendere le linee JR come la Yamanote (linea circolare) o la Chuo (che collega Shinjuku a Tokyo Station) se avete il Japan Rail Pass oppure di fare l’abbonamento giornaliero per la metropolitana.
Per i lunghi spostamenti invece lo Shinkansen è d’obbligo. Un’alternativa, che però non ho provato, sono i più economici bus notturni.

7) Raccontaci qualcosa sulle architetture giapponesi, sono molto diverse da quelle occidentali?
L’architettura si differenzia in quella antica e quella moderna. Se si considerano i templi buddhisti o i santuari shintoisti, non hanno nulla in comune alle nostre chiese. Un tratto distintivo è ad esempio il tetto, che da noi è dritto e spiovente, mentre in Giappone è più “curvilineo”.
L’architettura moderna invece è molto simile, se non uguale alla nostra. Basta pensare a Tokyo, dove si trovano migliaia di grattacieli, simili in tutto e per tutto ai nostri o a quelli di New York.

Grazie

 

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...
 

Potrebbe interessarti leggere anche:

  

I tour imperdibili

 

1 commento su “I consigli di Fabrizio sul Giappone”

  1. Sono andata in Giappone nell’estate 2014. Ho usato il Japan Rail per una settimana:E’ stato bellissimo salire sugli shinkansen;anche senza prenotazione sono andata da Tokyo al nord, facendo tappa a Fukushima e a Sendai. Ho utilizzato i Willer bus notturni in tre viaggi:1)TOKYO / KYOTO con tappa di 4 giorni in questa città per visitare anche Nara e Osaka; KYOTO/ HIROSHIMA con visita all’isola di Myjaima e partecipazione alla cerimonia in ricordo del 69° anniversario del lancio della bomba atomica; 3) HIROSHIMA /TOKYO.
    viaggio di 12 ore, ma comodo nel trasporto e tappe lungo il percorso in autogrill con servizio bar, shopping e toilette a 5 stelle!!!!
    Chi va agli inizi di agosto, inserisca nel proprio itinerario la tappa ad HIROSHIMA.Sui libri di storia abbiamo studiato i vari eventi della II Guerra Mondiale ed abbiamo visto la foto dell’edificio distrutto ATOMIC BOMBE come testimonianza, ma essere presenti in “quell’occasione” è una emozione indescrivibile nel vedere una infinità di persone che da differenti parti del nostro pianeta, partecipano per dire Sì alla PACE.
    Molto bella è anche la tappa al lago Kawaguciko e l’escursione AL MONTE FUJI (impegnativa la salita, pur potendo scegliere tra le varie tappe).
    Ho trovato gentilezza, disponibilità e cortesia da parte di tutti i cittadini giapponesi.
    Ho trovato un paese in cui convivono armoniosamente il passato ed il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Instagram
Torna su