Giappone in 2 settimane: itinerario dettagliato. Scarica subito
In primo piano
Home / Come muoversi in Giappone / Da Tokyo a Kyoto
Da Tokyo a Kyoto

Da Tokyo a Kyoto

Tokyo e Kyoto sono due delle più importanti città del Giappone, e sono tappe fondamentali per chiunque decida di visitarlo; la prima, simbolo di modernità e progresso, la seconda, custode della storia millenaria di questo affascinante Paese.

Nonostante siano situate entrambe sull’isola di Honshu, Tokyo e Kyoto sono abbastanza lontane tra loro, ma è facilissimo spostarsi dall’una all’altra grazie all’efficientissimo sistema di trasporto pubblico giapponese.

Ci sono diversi modi per raggiungere Kyoto e la scelta dipenderà dall’importanza che si attribuisce al costo e al tempo di percorrenza. Probabilmente il modo migliore è approfittare del grande risparmio del japan rail pass, soprattutto se nel vostro itinerario ci sono anche altre tappe oltre a Tokyo e a Kyoto.

Da Tokyo a Kyoto con le linee Shinkansen

Il modo più veloce e sicuro per spostarsi da Tokyo alle maggiori città del Giappone è sicuramente il treno, ed in particolare i cosiddetti “bullet trains” (ossia i treni ad alta velocità), che viaggiano sulle linee Shinkansen, e sono gestiti dalla compagnia Japan Railways.
I treni Shinkansen viaggiano ad una media di 320 km orari e sono famosi per essere tra i più puntuali al mondo.

Con lo Shinkansen Hikari, il cui costo per la sola andata è di ¥13600, è possibile percorrere la tratta Tokyo Station – Kyoto Station in 2 ore e 40 minuti circa; Kodama, il più lento tra i convogli Shinkansen, costa quanto l’Hikari ed impiega però all’incirca 3 ore e 50 minuti per giungere a destinazione.
I possessori del japan rail pass possono utilizzare entrambe queste linee.

La Tokaido Shinkansen, (che copre la tratta Tokyo – Kyoto – Osaka), è la più vecchia e famosa tra le linee Shinkansen: con il treno Nozomi, lo Shinkansen più veloce, da Tokyo a Kyoto si impiegano 20 minuti in meno rispetto alla linea Hikari, spendendo una cifra che si aggira attorno ai ¥13910 (solo andata). Questa linea (solo questa e la Mizuho) non è coperta dal japan rail pass.

Come prenotare un posto sugli Shinkansen con il Japan Rail Pass

I biglietti si possono prenotare nelle biglietterie JR “Midori No Madoguchi” (che si riconoscono dall’insegna verde), situate in tutte le principali stazioni JR, o nei Travel Service Centres.

Prenotare il proprio posto a sedere presso una biglietteria Midori No Madoguchi è molto semplice: ci si deve recare presso l’ufficio muniti del proprio Japan Rail Pass, e mostrarlo all’addetto, specificando su quale treno si intende viaggiare, e la propria preferenza per la carrozza (fumatori o non fumatori), l’orario di partenza e la destinazione.

Dopo aver fornito tutte le informazioni necessarie, si riceverà il biglietto con la prenotazione per il posto a sedere (sul biglietto sono indicati: numero di carrozza, numero della fila, numero del posto, partenza, arrivo).

I posti, sui treni Shinkansen, si possono prenotare fino a poco prima della partenza; tuttavia, se si decide di viaggiare durante le festività giapponesi, si corre il rischio di trovare tutti i posti occupati o di fare una lunga coda, perciò è meglio eseguire la prenotazione con 3 o 4 giorni di anticipo.

Se si viaggia in gruppo, e si vuole stare tutti insieme, è consigliabile prenotare i posti all’inizio del proprio soggiorno.
Con il servizio online Hyperdia è possibile verificare e stampare gli orari e i percorsi dei treni, così da facilitare le operazioni di prenotazione una volta giunti in biglietteria (per conoscere gli orari dei treni Shinkansen inclusi nel JRpass è sufficiente deselezionare l’opzione “Nozomi/Mizuho/Hayabusa”).

Come salire su un treno Shinkansen

Prendere un treno Shinkansen è un’operazione molto semplice, basta seguire alcuni passaggi e si riuscirà a salire sul proprio treno senza difficoltà.

Per prima cosa si deve controllare il tabellone luminoso. Andando da sinistra verso destra si trovano: il nome e il numero del treno (ad esempio Hikari 358), l’orario di partenza, la destinazione di arrivo, il numero del binario e il numero delle carrozze con i posti senza prenotazione.

Una volta controllato il tabellone, si deve passare attraverso le sbarre di sicurezza automatizzate. I possessori di Japan Rail Pass non possono inserire il biglietto nella sbarra, ma devono mostrarlo agli addetti alla sicurezza.

Una volta passati attraverso le porte automatizzate, è sufficiente leggere i cartelli bilingue per sapere dove si trovano i binari delle linee Shinkansen. Prima di raggiungere le piattaforme, si deve nuovamente passare attraverso le porte di sicurezza automatizzate per i passeggeri che si imbarcano sui treni Shinkansen.
A questo punto si può cercare il proprio binario.

I cartelli luminosi sul binario segnalano i treni in arrivo, mentre altri segnali indicano la collocazione delle porte e se i posti a sedere in una determinata carrozza sono riservati oppure no; nelle stazioni più affollate il pavimento è segnato con delle linee di diverso colore, dove si devono posizionare i passeggeri in attesa del treno in arrivo e dei successivi, in modo da non creare ingorghi. È sufficiente controllare il numero di carozza sul proprio biglietto e posizionarsi nell’area dela banchina corrispondente.

Di solito, le carrozze con i posti non riservati (almeno due o tre carrozze per treno) sono situate all’inizio o alla fine del vagone, e sono segnalate con indicazioni scritte sia in giapponese sia in inglese. Anche gli annunci effettuati con gli altoparlanti segnalano la presenza e la posizione delle carrozze senza posti riservati.

Il resto del treno è composto da carrozze con posti riservati, dove il controllore passa a verificare che i passeggeri siano provvisti di regolare biglietto.

Una volta saliti a bordo, per trovare il proprio posto a sedere, si deve cercare il numero della fila e del posto indicati sul proprio titolo di viaggio.

Da Tokyo a Kyoto con i treni locali

Un modo più economico di viaggiare rispetto ai treni Shinkansen, anche se meno semplice e veloce, è quello di utilizzare i treni locali, approfittando dello Seishun 18; questa è l’opzione ideale per chi ha molto tempo a disposizione e vuole risparmiare qualche soldo, ma non lo consiglio ai viaggiatori “standard” che hanno a disposizione da una a tre settimane in Giappone.

Lo Seishun 18 è un pacchetto stagionale che comprende 5 biglietti (per effettuare 5 viaggi in 5 giorni non consecutivi tra loro, senza limiti di orario), per un costo complessivo di ¥11850, ed una spesa giornaliera che si aggira attorno ai ¥2370.
I biglietti sono utilizzabili da un singolo viaggiatore per tutto il periodo di validità, ma possono anche essere utilizzati da più persone contemporaneamente.

Questo tipo di biglietto è utilizzabile solo sui treni locali (Local Trains) e sui treni veloci della JR, il che implica un allungamento considerevole dei tempi di viaggio; inoltre, i percorsi possono risultare piuttosto complicati (ci si può aiutare consultando le tabelle degli orari sul sito Hyperdia, deselezionando tutte le opzioni tranne Japan Railways e treni locali).

Questa scelta comporta anche un’attenta pianificazione degli orari, perché, mancando una coincidenza, si rischia di ritardare ulteriormente l’orario di arrivo.

Raggiungere Kyoto in aereo

Anche se la città di Kyoto non ha un aeroporto, si può raggiungere facilmente dal Kansai International Airport di Osaka.
Scegliendo un volo economico con compagnie low cost, con partenza dagli aeroporti Narita o Haneda, è possibile raggiungere Osaka in circa un’ora e mezza.

Il costo dei biglietti parte da un minimo di € 45 a persona per la sola andata, ma oltre al prezzo del biglietto aereo, bisogna preventivare circa ¥3000 del Narita Express per raggiungere l’aeroporto Narita dalla Tokyo Station, e il costo del bus o del treno per raggiungere Kyoto, una volta giunti ad Osaka (con il treno Haruka Limited Express, si arriva a Kyoto in 75 minuti al costo di ¥3370, ossia sui € 28,00).

Questa scelta comporta anche l’aggiunta del tempo necessario alle pratiche burocratiche in aeroporto, l’attesa e il ritiro bagagli.

Raggiungere Kyoto in autobus

Chi deve fare attenzione al proprio budget può sempre decidere di raggiungere Kyoto in autobus.
I Willer Express Bus, che servono la linea Tokyo – Kyoto, impiegano circa 8 – 9 ore per compiere l’intero viaggio; il costo del biglietto si aggira sugli ¥8000.

Anche la Japan Rail dispone di bus che coprono la tratta Tokyo – Kyoto: si tratta dei JR night buses. Il viaggio con il JR night bus dura più o meno 7 ore e 30 minuti, per un costo di ¥9400.
I JR night buses partono dal JR Bus Terminal, situato appena fuori dalla Yaesu South Exit della Tokyo Station; a Kyoto il terminal si trova appena fuori dalla Kyoto Station.

Io consiglio di scegliere l’autobus solo se si ha molto tempo a disposizione perché non vale la pena perdere ore in viaggio anziché sfruttare il tempo per visitare il Giappone.

Sconsiglio i bus notturni a chi avesse il sonno leggero in quanto arriverebbe a destinazione troppo stanco.

Trasferimento bagagli in hotel

Quando ci si deve spostare da una città all’altra, uno dei problemi logistici che si deve affrontare è quello del trasporto dei bagagli: specialmente se si viaggia in treno o in autobus, infatti, portarsi dietro borsoni e valigie può risultare problematico, in particolare se l’hotel è situato lontano dalla stazione di arrivo.

La compagnia Yamato Transport & Co. offre un servizio, il TA Q BIN, con il quale è possibile farsi spedire valigie e pacchi da un hotel all’altro, in qualsiasi parte del Paese; l’arrivo dei bagagli è garantito per il giorno successivo a quello della partenza (è importante controllare in anticipo che la regione in cui ci si reca sia coperta dal servizio).
Il servizio è attivo 365 giorni all’anno e non necessita di prenotazione anticipata.

Potete organizzare la spedizione presso il vostro albergo (assicurarsi prima della partenza dall’Italia che il vostro hotel si occupi di questo servizio), oppure presso i maggiori kombini come FamilyMart e alcuni Seven Eleven. Se fuori dal negozio vedete il simbolo del gatto (la Yamato ha come logo un “kuro neko” che significa appunto gatto nero), vuol dire che tramite quello store potete spedire i bagagli.

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (2 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...
 
Japan Rail Pass
 

Potrebbero interessarti anche

About Alessandra Sanna - Viaggi.city

Leggi anche

Pass regionali giappone

Japan Rail Pass Regionali

Se avete letto la mia pagina sul Japan Rail Pass, vi starete chiedendo se per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Sognando il Giappone.com

Sognando il Giappone.com