Odaiba

Scrivi un commento per primo / di Alessandra Sanna / aggiornato: 25 Gennaio 2024

Odaiba, Tokyo
La statua di Gundam di fronte al Diver City Tokyo Plaza

Odaiba è uno dei maggiori centri per lo shopping e il divertimento di Tokyo. Situato sul waterfront, nella Baia di Tokyo, il quartiere di Odaiba sorge su due grandi isole artificiali ed è attrezzato con tutto quello che serve per divertirsi: centri sportivi, negozi, musei, hotel, centri commerciali e parchi divertimento. Per esplorarlo tutto non basta una sola giornata, tuttavia si può visitare in giornata selezionando le attrazioni che maggiormente interessano.

Come nasce Odaiba?

Il quartiere di Odaiba nasce verso la fine del periodo Edo (1603 – 1868), sotto lo shogunato Tokugawa. Il progetto originale prevedeva la costruzione di 11 piccole isole, per contrastare eventuali attacchi delle navi della flotta del Commodoro Perry; di queste, solo sei vennero effettivamente costruite.
Dopo quasi un secolo si decise di unire queste isole per mezzo di una massiccia opera di riempimento, e da sei piccole isole si giunse ad averne due, di grandi dimensioni. Negli anni ’80 si pensò di costruire su di esse un grande centro residenziale, ma la bolla speculativa del 1991 pose fine al progetto; fu solo verso la metà degli anni ’90 che l’area iniziò a riempirsi di attività commerciali, diventando il grande centro che è oggi.

Cosa vedere a Odaiba

Il quartiere è suddiviso in due grandi aree, West e East Odaiba. Dalla pandemia in poi ci sono state delle chiusure inaspettate che riguardano attrazioni popolari ma c’è ancora tanto da vedere e i luoghi dove divertirsi non mancano.

West Odaiba

Nella parte nord di West Odaiba si trovano soprattutto parchi e centri commerciali.
L’Odaiba Seaside Park si estende per la costa nord di West Odaiba, ha una sua spiaggia ed una replica della Statua della Libertà.

Sul fronte della spiaggia si trovano diversi centri commerciali, di cui il Decks Tokyo Beach è uno dei due più grandi; al suo interno si possono trovare Legoland, Joypolis, e il museo delle cere di Madame Tussaud’s.

L’altro grande centro commerciale è Aqua City, con due piani interamente dedicati alla ristorazione, negozi di vari brands e Mediage; questa sezione di Aqua City racchiude al suo interno un esclusivo cinema multisala, una cappella per matrimoni e il Sony Explora Science Technology Museum. Da provare i takoyaki, di cui c’è anche un piccolo museo all’interno.

Qui si trova anche Leisureland, un enorme parco divertimenti (ci sono karaoke, slot machine, freccette, bowling…) che ospita anche una illusion house a tema ninja, una casa stregata e un’area dedicata alla ristorazione.

Poco lontano da Aqua City sorge il Fuji TV Building, progettato da Kenzo Tange, sede di una delle più importanti televisioni private del Paese. Oltre a poter vedere le esibizioni di alcuni programmi, acquistare gadget e mangiare, la cosa davvero interessante di questo edificio è la grande sfera situata al venticinquesimo piano: un punto di osservazione mozzafiato.

Il Rainbow Bridge e la replica della Statua della libertà a Odaiba
Il Rainbow Bridge e la replica della Statua della libertà a Odaiba

La parte sud di West Odaiba non è meno interessante di quella nord. Anche qui trova spazio il centro commerciale Diver City Tokyo Plaza. La parte più intrigante di questo centro commerciale è sicuramente il museo Gundam Front Tokyo: segnalato da un’enorme statua di Gundam, al suo interno si possono trovare diverse attrazioni e uno shop, tutti ispirati al tema del famoso cartone animato.

La Marine Walk è una passeggiata lunga all’incirca 2,5 km, che costeggia il mare per tutta la sua lunghezza. Il percorso inizia dal Telecom Center, un enorme centro per le telecomunicazioni dalla cui terrazza si gode di una vista mozzafiato. Durante la passeggiata si incontrano vari edifici ed attrazioni, come il Museo delle scienze marittime (Tokyo Water Science Museum), il cui edificio sembra una grossa nave da crociera, e il Museo nazionale delle scienze e dell’innovazione (Miraikan).

❗️ Nel 2023 non troverete più Palette Town. Era una vera e propria “città dello shopping”, che racchiudeva al suo interno diverse attrazioni:

  • [Chiuso definitivamente a marzo 2022] il Venus Fort, un gigantesco centro commerciale ispirato allo stile delle città europee del diciottesimo secolo;
  • [Chiuso definitivamente il 31 dicembre 2021] il Mega Web, è stato un enorme showroom interamente dedicato alle auto della Toyota. Qui si potevano visionare gli ultimi modelli, eseguire test drive e visitare il museo che ospitava le vecchie glorie della casa automobilistica;
  • [Chiuso definitivamente nell’agosto 2022] la Ferris Wheel, con i suoi 115 metri, è stata una delle ruote panoramiche più grandi al mondo. Dalla sua cima si godeva di una favolosa vista della Baia di Tokyo e dell’intero quartiere di Odaiba.

Onsen nel cuore di Tokyo [Chiuso il 5.09.2021]

Ebbene sì, purtroppo anche questo Onsen a Odaiba ha chiuso i battenti nel settembre 2021!

Poco lontano dal Telecom Center c’era l’Ooedo Onsen Monogatari, un vero paradiso del benessere interamente in stile Edo, per immergersi nell’epoca dell’antica Tokyo, usufruendo dei tantissimi trattamenti offerti da questa struttura. Infatti, oltre agli Onsen, sia al coperto sia all’aperto (utilizzavano le acque naturalmente calde che sgorgavano direttamente dalla sorgente, ad una profondità di 1400 metri), in questo centro benessere era possibile fare diversi tipi di massaggi rilassanti, trattamenti esfolianti, “fish therapy“, trattamenti estetici e altro. Erano presenti anche dei punti di ristoro dove mangiare dell’ottimo street food (ramen, sushi, yakitori, udon, ecc.) si poteva anche provare l’autentica cucina Kaiseki (ben più costosa), prenotando delle stanze tradizionali private.

Odaiba Est

La parte est di Odaiba è quasi interamente dedicata alle mostre e allo sport. Le attrazioni principali di questa zona sono due:

  • la Tokyo Big Sight (o Tokyo International Exhibition Center), il cui edificio ha una linea decisamente audace, è uno dei maggiori centri del Giappone per l’organizzazione di mostre e conferenze (qui si tiene la manifestazione annuale Tokyo Anime Fair); Qui solitamente si ritira il pettorale per la maratona di Tokyo che si tiene ogni anno;
  • il Panasonic Center, è un gigantesco showroom del colosso dell’elettronica. Al suo interno si trovano tutte le ultime novità riguardo ai suoi prodotti di elettronica, mentre il terzo piano ospita RiSuPia, un museo dedicato alla scienza e alla matematica.
  • il Rinshi no mori Park, il nome “Rinshi no Mori” significa letteralmente “bosco protetto”. È un parco che si estende su una vasta area di 88.000 metri quadrati e presenta una grande varietà di alberi, fiori e fauna locale. È stato creato per preservare e proteggere l’ambiente naturale dell’isola e promuovere la biodiversità.
    Una delle caratteristiche distintive del parco è il suo lago artificiale, che ospita numerose specie di uccelli acquatici e creature marine. I visitatori possono godersi una passeggiata intorno al lago su sentieri ben curati e ammirare la bellezza della natura circostante.
    Il parco offre anche aree ricreative, come prati aperti per picnic, zone per giochi all’aperto e un percorso per il jogging.
    Inoltre, il Rinshi no Mori Park offre una vista spettacolare sulla skyline di Tokyo.
    Dalla sua posizione sull’isola di Odaiba, i visitatori possono ammirare i grattacieli di Shinjuku e il famoso Rainbow Bridge che collega l’isola al resto della città.
  • l’Ariake Coliseum stadium, una struttura polivalente che ospita eventi sportivi, concerti e altre manifestazioni.
    Lo stadio è noto soprattutto per il tennis, essendo stato il principale campo da tennis durante i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. È stato utilizzato per le partite di tennis sia singolari che doppie, e ha ospitato alcune delle principali competizioni del torneo olimpico.
    L’Ariake Coliseum è stato inaugurato nel 1997 ed è dotato di un tetto retrattile che può essere chiuso in caso di maltempo. Ha una capacità di circa 10.000 spettatori e offre una vista eccellente del campo da ogni posto.
    Oltre al tennis, lo stadio ha ospitato una varietà di eventi sportivi, tra cui il basket, il volley, la pallamano e il wrestling. È anche un luogo popolare per concerti e spettacoli dal vivo, grazie alla sua acustica di alta qualità e alla configurazione flessibile.

Come raggiungere Odaiba

Il collegamento principale tra Odaiba e il resto di Tokyo è il Rainbow Bridge, un enorme ponte lungo 800 metri.
Ci sono quattro modi per arrivare:

  • attraverso la linea ferroviaria sopraelevata Yurikamome, che dalla stazione Shimbashi o Shiodome vi porta alla stazione Daiba. I treni partono a pochi minuti l’uno dall’altro (costo 330 yen) e la percorrenza è di circa 15 minuti. Esiste un pass giornaliero al prezzo di 820 yen, ma non é possibile utilizzare il Japan Rail Pass;
  • attraverso la linea ferroviaria Rinkai, che collega la stazione Osaki con la stazione Shin – Kiba. Durante il tragitto si ferma alle stazioni sotterranee di Tokyo Teleport e Kokusai Tenjijo di Odaiba, queste tratte non sono coperte dal japan rail pass;
  • in barca, con il Tokyo Water Bus. Le barche collegano l’Odaiba Seaside Park e Hinode Pier, dove ci sono collegamenti per Asakusa (la corsa dura circa 20 minuti, costa 520 yen; sono in partenza 1 o 2 barche all’ora). Per andare direttamente da Asakusa a Odaiba i passaggi sono meno frequenti (1 ogni 50 minuti, costo 1720 yen). Ci sono anche barche che collegano Hinode Pier con Tokyo Big Sight (costo 460 yen; c’è una barca all’ora tranne lunedì e martedì);
  • a piedi, attraverso il Rainbow Bridge, ma solo se siete dei grandi camminatori. Il passaggio pedonale non può essere attraversato in bici ed è chiuso durante la notte (dalle 21 alle 9 da aprile ad ottobre e dalle 18 alle 10 da novembre a marzo), il terzo lunedì di ogni mese, dal 29 al 31 dicembre, durante i fuochi d’artificio della Baia di Tokyo e in caso di maltempo.

Vuoi visitare Odaiba insieme a una guida parlante italiano?

Prenota un tour di Tokyo con la visita di Odaiba. Solitamente gli itinerari sono organizzati in modo da mostrarti la parte tradizionale e quella più moderna della città di Tokyo in una giornata di 8 ore, ma se hai dei desideri particolari, gli itinerari sono tutti personalizzabili ed eventualmente è possibile scegliere un tour di 4 ore (eccetto in alta stagione).

PRENOTA UN TOUR DI TOKYO
 

Potrebbe interessarti leggere anche:

  

I tour imperdibili

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.