Ultime dal blog

Monte Fuji

monte fuji

Tra i luoghi più suggestivi e affascinanti del Giappone, il Monte Fuji, la montagna più alta del Paese, con i suoi 3776 metri, e la regione dei Cinque Laghi offrono uno spettacolo naturale unico al mondo: il cono vulcanico dalla geometria perfetta, al punto da apparire innaturale, della cima è – in effetti – un simbolo nazionale nipponico, al punto da essere rappresentato anche sulle celebri stampe di Hokusai, le famose 36 vedute del Monte Fuji. Uno scenario reso ancora più accattivante dal panorama che si dipana ai piedi del vulcano, tra grotte e cascate, con altipiani e laghi che si alternano dando vita a un quadro unico e irripetibile: non è un caso, quindi, che la regione dei Cinque Laghi sia una meta turistica frequentata ogni anno da tantissime persone, una località di villeggiatura rinomata in tutto il globo.

Scalare il Monte Fuji

E’ possibile salire in cima al Fuji-San (la parola san in giapponese significa “monte”), solo nel mese di luglio fino al 28 di agosto.
E’ consigliabile coprirsi a strati, in quanto la temperatura lassù non raggiunge i 5 gradi di media a luglio e i 6 gradi di media ad agosto: ciò vuol dire che c’è abbastanza fresco.
Preferibilmente si inizia la scalata nel primo pomeriggio a partire dalla Quinta Stazione, in modo da trascorrere la notte in uno dei rifugi che si trovano vicino alla cima e da concludere la salita prima dell’alba, così da riuscire ad assistere, intorno alle quattro e mezza del mattino, allo spettacolo del sole che sorge. Per la salita ci vogliono, più o meno, sei ore, mentre per la discesa si impiegano tra le tre e le quattro ore.
La scalata è tutto sommato, semplice, infatti può essere svolta anche da persone in là con gli anni o addirittura da bambini, pur non dimenticando che ci vuole comunque una preparazione rispetto all’altitudine. Il consiglio è, ovviamente, di avere sempre con sé scorte di acqua sufficienti e calzature il più possibile confortevoli, oltre a un abbigliamento consono, con vestiti impermeabili e caldi. Rimanere nei sentieri segnalati è il modo migliore per procedere in condizioni di totale sicurezza, mentre è opportuno prenotare con un cospicuo anticipo i posti letto nei rifugi di montagna, che sono decisamente frequentati (tenendo conto che si tratta di dormitori in comune e che in cima non è possibile campeggiare).

I sentieri del Monte Fuji

  • Kawaguchiko a Yoshida-guchi. Il sentiero più usato e anche quello che vi consiglio; per la salita si impiegano circa cinque ore e mezza e per la discesa tre ore. 
Dalla stazione di Kawaguchiko prendete un autobus e dopo circa un’ora arrivate all’inizio di questa via, che si caratterizza per un percorso a zig zag tra ambienti polverosi e rocce. In tutto sono una ventina i rifugi che si possono trovare procedendo; non va dimenticato che la salita è differente rispetto alla discesa, sviluppandosi su tracciati diversi.
  • Il sentiero di Fujinomiya-guchi è altrettanto breve, visto che richiede circa cinque ore di salita, ma si può dire che sia il meno spettacolare, nel senso che si dipana su un versante che permette di osservare l’alba solo una volta che si è arrivati in cima. Si parte dalla stazione di Mishima e dopo un viaggio in autobus di due ore si arriva all’inizio del sentiero, collocato a un’altitudine di 2400 metri in corrispondenza della nuova Quinta Stazione di Fujinomiya. Anche il numero di rifugi è inferiore: ce ne sono solo dieci.
  • Gli itinerari possibili, comunque, sono molteplici: chi vuole cimentarsi nella scalata, per esempio, può recarsi anche con il Japan Rail Pass a Gotemba, che è la stazione che dà l’opportunità di accedere a due vie di salita, Subashiri e – appunto – Gotemba. Ci si arriva con la linea JR Tokaido, che giunge a Kozu passando per Odawara, per poi cambiare prendendo la linea JR Gotemba, dove c’è almeno un treno all’ora. Quindi, una volta arrivati alla stazione di Gotemba, per arrivare fino alle vie di salita sono disponibili degli autobus, che da giugno ad agosto sono attivi tutti i giorni.
    Il sentiero di Gotemba-guchi, che comincia nella nuova Quinta Stazione omonima, è il più impegnativo e lungo, ma anche il più gratificante: permette, tra l’altro, di passare attraverso un campo di cenere di grandi dimensioni, che è il risultato di un’eruzione andata in scena più di tre secoli fa. Sono appena due i rifugi presenti lungo questo sentiero, che è piuttosto complicato anche per la presenza di rocce, soprattutto tra la Settima e l’Ottava Stazione. Infine, vale la pena di menzionare il sentiero di Subashiri-guchi, sempre con il via dalla stazione di Gotemba.

Visitare il Monte Fuji senza la scalata

Chi non vuole raggiungere la vetta, d’altro canto, può decidere di fermarsi alla Quinta Stazione, per esempio scegliendo questo tour organizzato di 1 giorno oppure quest’altro di 2 giorni (con pernottamento ad Hakone). La Quinta Stazione si trova sulla strada in salita che congiunge Kawaguchiko con Yoshida-Noguchi, e può essere raggiunta con la linea Fuji Subaru in autobus: è collocata oltre i 2300 metri di altitudine.
Vale la pena, comunque, arrivare fino a qui, visto che si può ammirare chiaramente e facilmente la cima del Monte Fuji. Proprio per questo motivo, la stazione è ormai un punto di riferimento per tutti coloro che desiderano godere della straordinaria bellezza del vulcano pur non intendendo scalarlo.
Nel tour è incluso il trasferimento a/r da Tokyo, una mini crociera sul lago Ashi e un giro panoramico con la teleferica Hakone Komagatake.

O-Bon

Detto che il Monte Fuji va scalato tra luglio e agosto (già da settembre la neve è più che frequente), non ci si può dimenticare della festa dell’Obon, che cade proprio intorno alla metà di agosto e che richiama giapponesi da tutto il Paese: il rischio, insomma, è quello di trovare “traffico” anche sui sentieri più impegnativi di questa cima. Se possibile, dunque, sarebbe preferibile evitare la scalata in occasione di questa ricorrenza.

 
Japan Rail Pass
 

Potrebbero interessarti anche

6 commenti

  1. Buonasera, nel mese di aprile che possibilità di escursione è possibile effettuare, non essendo periodo di scalata?

  2. Buongiorno volevo chiederti se è fattibile arrivare la sera da tokyo per fare la salita di notte e vedere l’alba e poi andare direttamente dal monte fuji a hakone il tutto con I mezzi pubblici. Grazie.

  3. stefano budelli

    Ciao,
    ti ringrazio per le tue preziose informazioni. Vorrei chiederti se è possibile noleggiare una bici da corsa ad Hakone o dintorni ed arrivare sino alla quinta stazione in bicicletta. Come distanza (100 km circa) ed altimetria dovrei riuscire a farlo, pero’ non sono riuscito a trovare un noleggio di bici da corsa in quella zona.
    Mi sai aiutare? grazie
    stefano

    • Ciao Stefano,
      in Giappone solitamente le bici a noleggio non sono da corsa, non so dirti se si possono trovare ad Hakone, ma ho trovato questo tour che include un giro in bici di 2 ore e mezza attorno a uno dei Cinque Laghi. Se fossi interessato puoi prenotare direttamente online dal link che ti ho indicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.